Pierfrancesco Latini

Pierfrancesco Latini

Amministratore Delegato di SACE

Pierfrancesco Latini è Amministratore Delegato di SACE, società del Gruppo Cassa Depositi e Prestiti. Nato nel 1968 a Montefiascone (VT), nel corso della sua carriera ha ricoperto incarichi manageriali di rilievo all'interno di diversi Gruppi Bancari. Laureatosi in Economia e Commercio presso l'Università Luiss Guido Carli di Roma, consegue l'abitazione per esercitare come Dottore Commercialista e Revisore Contabile. Tra il 1992 e il 1993 Ufficiale di Complemento della Guardia di Finanza presso il IV Reparto del Comando Generale, inizia in seguito a lavorare come analista per la Direzione Generale Affari Economici e Finanziari della Commissione Europea di Bruxelles. Dal 1994 al 1998 consulente aziendale in Arthur Andersen MBA - Dipartimento Financial Market, entra in seguito in BNL nel ruolo di Responsabile Ufficio Gestione Integrata dell'Attivo e del Passivo. Successivamente lavora in ItaInvest S.p.A. arrivando a ricoprire l'incarico di Direttore Attrazione Investimenti Esteri e Marketing Territoriale di Sviluppo Italia. Dal 2003 al 2007 è Vice Direttore Centrale, Responsabile Monitoraggio crediti di Gruppo di Capitalia. Nel 2007 è Chief Risk Officer della Divisione Retail / Unicredit Banca per la Casa per il Gruppo Unicredit. Il 2008 segna l'ingresso di Pierfrancesco Latini nel Gruppo BNP Paribas, chiamato a ricoprire il ruolo di Chief Risk Officer di BNL e del gruppo BNP Paribas per l'Italia. Da giugno 2016 ha operato in qualità di Chief Risk Officer del gruppo Cassa Depositi e Prestiti, con responsabilità sulle aree Risk Management, Risk Operations, Risk Governance, Compliance e Anti-Money Laundering. Da dicembre 2019 è AD di SACE. Attualmente opera inoltre nei CdA del Comitato Investitori dell'Italian Recovery Fund, del Consiglio di Amministrazione Airfirm e del Technical Expert Group on Sustainable Finance (TEG) sulla Finanza Sostenibile per la Commissione Europea. Ha fatto parte del Consiglio di Amministrazione di Ansaldo Energia e di Saipem.