Aston Martin, la cura italiana funziona