TOP MANAGER REPUTATION GIUGNO 2018: MARCHIONNE PRIMO, SEGUITO DA CAIRO. STARACE TORNA AL TERZO POSTO

Top Manager - GIUGNO 2018

Sergio Marchionne mantiene la pole position di TOP Manager Reputation, l’osservatorio permanente realizzato da Reputation Manager, che ogni mese monitora la reputazione online delle figure apicali delle principali aziende italiane. Il numero uno di FCA-Fiat questo mese realizza un punteggio di 79,41, in crescita di 0,8 punti. Diversi eventi gli eventi rilevanti che contribuiscono alla solidità della sua reputazione, come: la presentazione piano industriale e l’annuncio dell’azzeramento del debito, gli investimenti nell’elettrico e motore ibrido per Ferrari, l’endorsement di Trump che dopo il loro incontro lo ha definito “il mio preferito”, le trimestrali “record” di FCA e Ferrari.

Urbano Cairo è stabile al secondo posto con un punteggio di 75 (-0,41). come sempre varie le notizie in primo piano per la sua identità digitale: i conti trimestrali di Rcs tornano in utile dopo 10 anni grazie alla “cura Cairo” e il titolo cresce già quando il manager preannuncia i buoni risultati, in crescita anche gli ascolti di La7, e il ritratto di Sgarbi che lo paragona ad Agnelli (“È uno molto sveglio che, come Agnelli, riproduce il tema del giornale.”), esclude un suo ingresso in politica ma, nel caso, dice: “sarebbe l’anti Di Maio”.

Francesco Starace, AD di Enel, ritorna in terza posizione con un punteggio di 66,93 e un incremento di 3,36 punti, presentando risultati trimestrali eccellenti grazie alle crescita di rinnovabili e reti. Il manager è stato nominato Cavaliere del Lavoro e insignito dell’Ordine dell’Aquila Azteca, la più alta onorificenza concessa a cittadini stranieri in Messico, presso l’Ambasciata del Messico a Roma per i servizi di rilievo offerti da Enel alla nazione messicana. Starace ha inoltre siglato un accordo con le Ferrovie di Stato russe per lo sviluppo congiunto di sistemi di accumulo energetico innovativi da installare lungo la rete ferroviaria del Paese.

In TOP 15 entrano Flavio Cattaneo, AD di Ntv e Marco Alverà, CEO di Snam

Flavio Cattaneo, AD di Ntv, guadagna 5 posizioni e arriva all’11simo posto con 52,45 punti (+2,56). Il Top Manager infatti, dopo una carriera spesa alla guida di grandi aziende, veste per la prima volta i panni dell’imprenditore lanciando una società di investimento, con un fatturato attorno ai 200 milioni di euro, che aiuta le imprese in difficoltà: “Un mestiere che so fare e che si rivolge a quelle società che possono crescere, ma non riescono a farlo”.

Marco Alverà, CEO di Snam, conquista la posizione n°13 salendo di ben 9 posti, grazie a risultati e obiettivi ambiziosi: utili oltre le attese, obiettivo di leadership nel settore gas, azionisti promuovono la svolta green, investimenti per la digitalizzazione e le infrastrutture in Italia.

I Top Manager che guadagnano più posizioni: Patrizia Grieco (Enel), Federico Marchetti (YOOX), Alberto Nagel (Mediobanca).

Patrizia Grieco, Presidente di Enel, guadagna 9 posizioni piazzandosi al 19simo posto della classifica con 50,68 punti, grazie alle notizie positive che associano il suo nome alla presentazione dei risultati positivi in borsa, con il titolo cresciuto del 22% nel 2017, e al riconoscimento di Enel come il più grande produttore di energia rinnovabile.

Federico Marchetti, CEO di Ynap, guadagna 10 posizioni e sale in 22sima posizione con 50,22 punti grazie al momento roseo vissuto da Yoox dopo il successo dell’operazione di acquisizione da parte di Richemont e il manager esulta: “Ora siamo imbattibili”. Anche Il primo trimestre del 2018 parte in crescita.

Alberto Nagel, AD di Mediobanca, scala la classifica salendo di ben 16 posizioni e raggiungendo così il 34simo posto con 47,6 punti. Per il top manager di Piazzetta Cuccia reputazione in crescita grazie alla trimestrale positiva, in anticipo di un anno sul piano atteso, e all’impegno sociale con il progetto sportivo per i minori appartenenti a fasce socialmente deboli e a rischio di esclusione, condotto insieme al Comune di Milano e al Cus Milano Rugby. Nagel ha inaugurato i nuovi campi da rugby a Quarto Oggiaro, quartiere della periferia milanese: “Con il progetto INSIEME rivolgiamo ancora una volta la nostra attenzione alla città di Milano e alle tematiche di inclusione sociale che la caratterizzano, in questo caso a sostegno delle nuove generazioni. Contribuire alla creazione di nuove strutture sportive è uno dei punti di partenza affinché lo sport possa diventare leva importante per promuovere la socialità e per garantire un futuro migliore ai nostri ragazzi”