Top Manager Reputation marzo 2020: sul podio Starace, Elkann e Cairo

Top Manager - MARZO 2020

Nel mese in cui è esplosa l’emergenza sanitaria in Italia e nel mondo, cresce la reputazione di quei manager che hanno da subito messo in campo misure per affrontare la crisi e supportare il Paese. Nella classifica Top Manager Reputation, l’Osservatorio permanente di Reputation Science sulla reputazione online dei vertici delle aziende attive in Italia, a marzo Miuccia Prada  (57,65) sale di ben sedici posizioni arrivando al nono posto per aver donato sei postazioni di terapia intensiva a Milano; Carlo Messina (66,64) sale al quarto, di due posizioni, prima come protagonista delle cronache finanziarie per l’offerta su Ubi, poi per aver donato 100 milioni alla Protezione civile e stanziato 15 miliardi di prestiti alle pmi in crisi per il Coronavirus; due gradini in più anche per Giorgio Armani (56,91), undicesimo, per la donazione agli ospedali milanesi e per la decisione immediata di attivare lo smart working per tutti i suoi dipendenti.

Il podio

Confermato il podio: primo Francesco Starace (70,82) per i rumors sulla sua probabile riconferma alla guida di Enel, secondo Jonh Elkann (67,88) che ha venduto PartnerRe alla francese Covéa, con un guadagno netto di 3 miliardi per Exor, terzo Urbano Cairo (67,20) che a “Otto e mezzo” ha fatto appelli per la chiusura totale delle attività, come unico modo per uscire il più velocemente possibile dall’emergenza sanitaria.

La top 15

Stabile al quinto Matteo Del Fante (61,19), seguito da Claudio Descalzi (59,51), Remo Ruffini (58,38) e l’Ad di Terna Luigi Ferraris (58,24) che sale di due per il piano strategico quadriennale e i ricavi in crescita. Guadagna una posizione e sale al decimo Valerio Camerano (57,16), mentre Alberto Bombassei (56,75) scende di tre, al dodicesimo, e Alessandro Benetton (56,38) al tredicesimo, seguiti da Marco Alverà (56,31) e Pietro Salini (55,63) che si confermano quattordicesimo e quindicesimo.

Chi sale

In Top 100 (www.topmanagers.itAntonio Percassi, Presidente Atalanta, entra al 26° e Giovanni Ferrero (37°, +21) segna la crescita più alta del mese grazie al boom del fatturato.